King’s day: la festa che fa impazzire l’Olanda e non solo!

Modul Print
Festa del re in Olanda

Vi siete mai chiesti cosa vorrebbe dire vivere un giorno in cui (quasi) tutto è concesso?
In questo caso gli Olandesi risponderanno assolutamente sì.

Il Giorno del Re, ovvero Koningsdag, è una festa in onore del re che si svolge non a caso durante il giorno del suo compleanno, ovvero il 27 aprile.
Oltre a celebrare il sovrano, essa è puro divertimento date le sue numerose attività, tra cui la più famosa, il vrijmarkt, ossia ‘il mercato libero‘, dove ognuno è libero di vendere ciò che ha in casa, dagli oggetti più antiquati di seconda mano a quelli più moderni.

Mercato urbano

La sera del 26 aprile tutti gli abitanti dell’Olanda disegnano per strada, spesso vicino alle loro case, un rettangolo in gesso che sarà la loro postazione per il mercatino dell’indomani; ma la cosa più curiosa e interessante è che molta gente dorme addirittura dentro quello spazio per far sì che nessun’altro lo possa occupare la notte o la mattina presto del giorno seguente!
Non solo questi mercatini prendono vita nelle strade, ma anche nei parchi e nelle piazze… si possono perfino trovare bancarelle enogastronomiche.

In tutta la nazione si anima un grandissimo e famosissimo mercatino delle pulci, dove chi ne ha più ne metta!

Divertimento

Oltre a ciò si trovano tantissime attività anche per i più piccoli; tra marionette, dipingersi la faccia di vari colori ed eventi sportivi, i bambini si divertono come non mai improvvisandosi anche loro venditori attorno al Vondelpark, il polmone verde di Amsterdam.

Ma il divertimento del King’s day inizia già la sera precendente… Ebbene sì, tra tanta musica, gente che balla e party nei night club non ci si riposa mai.

Esplosione di arancione

Una grande particolarità di questa festività è che tutto il paese si tinge d’arancione; questo colore infatti è simbolo dell’Olanda, che rimanda alla famiglia reale degli Orange, che tutti amano e acclamano.

Durante questo giorno tutte le persone indossano vestiti che richiamano l’arancione e anche le imbarcazioni che riempono i canali per festaggiare sono del medesimo colore.

Storia

Una domanda ci sorge spontanea, come ha inizio questa festività? Prima di diventare il Giorno del Re, la festa nazionale era nominata Giorno della Regina, ovvero Koninginnedag, in seguito ai festeggiamenti per il compleanno della regina Wilhelmina, il 31 agosto 1885. Questa tradizione proseguì fino al 2013, anno in cui venne incoronato Willem-Alexander, attuale re, trasformandosi così in Koningsdag.

Willem-Alexander è il primo re per cui si festeggia e si pensa che per un pò resterà l’unico, poiché l’erede al trono sarà sua figlia Amalia, che diventerà regina.

Anche la famiglia reale è presente durante questa giornata, visitando ogni anno una città diversa per festaggiare con i cittadini!

Turismo durante il King’s day

Essendo famosa in tutto il mondo questa festività attira migliaia di turisti, che rimangono affascinati dall’atmosfera che regna in questi due giorni.
Di conseguenza per prenotare un alloggio e magari anche un volo aereo bisogna prendersi con largo anticipo, dato che è spesso il periodo più affollato.

Molti musei e attrazioni chiudono, tranne la casa di Anna Frank, il Van Gogh Museum, il Rijksmuseum e lo Stedelijk. Alle ore 16 i tram smettono di passare per lasciare le strade in pieno possesso delle persone, però come mezzo pubblico si può comunque prendere la metro.

In conclusione il Giorno del Re anima tutti i Paesi Bassi all’insegna del divertimento e del colore arancione, attira gente da tutto il mondo e la maggior parte degli Olandesi la preferisce perfino al Natale!

Paolo Francescon Fotografo
Informazioni su Emma Poggioli 4 Articoli
Emma, 17 anni, è una studentessa del Liceo classico A.Canova di Treviso. Appassionata di scrittura e tendenze culturali, ha scritto i suoi articoli durante un periodo di stage presso HDEMO editore.