Alimentazione cane e gatto

Sai veramente cosa mangia il tuo compagno a quattro zampe?

Chiunque abbia un cane o un gatto sa che, una volta seduto a tavola per mangiare, sentirà su di sé gli occhioni imploranti del suo amico a quattro zampe, desideroso di ricevere un po’ di cibo. Se rientri in questa categoria allora sai anche di averlo accontentato, una o più volte, conscio del fatto che il tuo compagno d’avventura adora la maggior parte dei cibi che piacciono anche a te.

È così semplice accontentare i nostri animali domestici con il cibo, ma è una buona scelta a livello nutrizionale?

E’ piuttosto intuitivo che i bisogni nutrizionali di un animale domestico non siano uguali ai nostri, ma chi sa veramente qual è l’alimentazione giusta per il proprio amico?

Questa breve guida per principianti sull’alimentazione di cane e gatto ti ragguaglierà su ciò di cui hanno bisogno per rimanere sani e, perché no?, anche in forma.

Parliamo di calorie

I cani piccoli e che non svolgono molta attività fisica hanno bisogno dalle 185 alle 370 calorie al giorno, mentre per un cane tra i 30 e i 40 kg può essere necessario ingerire tra le 1.000 e le 2.000 calorie, a seconda del sesso o della frequenza con cui svolge attività fisica. Eppure molti dei nostri cani ottengono molto più cibo di quanto ne abbiano realmente bisogno. Più di un terzo dei cani degli Stati Uniti con più di 1 anno di età è in sovrappeso.

Un gatto sano di 5 kg, invece, ha bisogno solo di 220, massimo 350 calorie al giorno. Non c’è da stupirsi se almeno un quarto dei felini degli Stati Uniti sono considerati sovrappeso o obesi.

Il gatto: l’importanza della carne

La prossima volta che vedi il tuo gatto sonnecchiare beato sotto il sole, ricorda che in realtà necessita di due volte le proteine di cui gli esseri umani e i cani hanno bisogno. In particolare, gli elementi costitutivi di una buona alimentazione per il gatto si possono riassumere in una sola parola: carne. Ecco spiegato, forse, quel continuo miagolare dei felini alla sola vista di un bocconcino di pollo.

I gatti infatti sono “carnivori vincolati”, il che significa che solo mangiando proteine animali riescono ad ottenere tutti gli amminoacidi di cui hanno bisogno nella loro dieta. In particolare, l’amminoacido vitale che i gatti non possono ottenere da una fonte diversa dalle proteine animali è la taurina, un fattore critico per il cuore, gli occhi, e le funzioni riproduttive.

Una dieta ricca di carne fornisce ai gatti non solo la taurina di cui hanno bisogno, ma anche la vitamina A, un nutriente che non sono in grado di convertire dal beta-carotene, come afferma Joe Bartges, professore di medicina e alimentazione del College di Medicina Veterinaria presso l’Università del Tennessee.

Il gatto: il grasso fa bene, ma attenzione a non esagerare!

I grassi sono una notevole fonte di energia per i gatti, li aiutano a ottenere gli acidi grassi e ad assorbire vitamine liposolubili quali la A, la D, e la E.

Il problema è che ad alcuni gatti il sapore dei cibi grassi piace un po’ troppo, proprio come a certe persone. Se il tuo gatto scava nella sua ciotola più del solito o se gli concedi troppi bocconcini del tuo cibo, fai più attenzione: i gatti obesi possono soffrire molti dei problemi di salute che colpiscono l’uomo, tra cui il diabete e l’artrite.

Il gatto: carboidrati in eccesso

I gatti domestici nutriti con cibo essiccato possono ottenere fino al 40% delle loro calorie da carboidrati. Ma i gatti, “non ne hanno bisogno nelle percentuali che si trovano nella maggior parte dei cibi secchi trasformati”, dichiara Marla J. McGeorge, un veterinario con un particolare interesse per i felini. In realtà, non vi è alcun requisito minimo raccomandato di carboidrati per i gatti e l’assunzione di troppi carboidrati può essere la ragione principale dell’aumento di peso di molti felini domestici.

Il gatto: l’acqua è vitale

Gatti, uomini e cani sono tutti costituiti da acqua per circa il 70%. Tuttavia i gatti si sono evoluti con un basso impulso a dissetarsi, probabilmente un retaggio dei loro antenati del deserto.

Se aggiungi questo fattore ad una dieta ricca di cibi secchi, che in genere contengono acqua solo dal 5% al 10%, è chiaro che il tuo gatto rischierà di essere disidratato: è consigliabile, quindi, trovare un giusto equilibrio tra dieta secca e dieta umida.

Di fondamentale importanza è mettere sempre a disposizione del tuo amico a quattro zampe molta acqua fresca e pulita.

Il gatto: i primi segni di obesità e l’importanza dell’esercizio fisico

Se non riesci a sentire le costole del tuo gatto senza fare pressione o se non riesci a scorgere il suo girovita ci sono buone probabilità che sia un po’ sovrappeso. Fortunatamente i gatti amano l’esercizio fisico, come sa bene chiunque abbia sperimentato un attacco alla caviglia o un agguato a sorpresa dopo aver sceso le scale.

Il tuo compito in questo caso è stimolarlo giocando con lui. Dal momento che i gatti sono orientati verso brevi raffiche di intensa attività, usa pure il tuo puntatore laser, un giocattolo con le piume, o una stringa e gioca con lui per cinque o 10 minuti, più volte al giorno (cerca di non esagerare all’inizio, se il tuo gatto non è abituato). Gioca sempre al sicuro e assicurati che il veterinario sappia quanto e come giochi con il tuo cucciolo per tenerlo in forma.

Il cane: le proteine e la verdura

Le proteine dovrebbero costituire circa il 18% della dieta del tuo cane, come della tua. Le proteine animali ottenute da carne e pesce offrono l’equilibrio proteico di cui i cani hanno bisogno. A differenza dei gatti, i cani mangiano anche alcune verdure, il che però non significa che possano essere vegetariani, poiché è comunque necessario integrare la loro dieta in modo da fornire tutti gli aminoacidi essenziali per una buona salute.

Il cane: il grasso come fonte di energia, ma anche di eccessi

I cani hanno bisogno di grassi per mantenere sani il manto, la pelle, il naso, e le zampe. Il grasso è anche una grande fonte di energia che contiene più del doppio delle calorie per grammo rispetto a proteine o carboidrati.

Questo non significa che il tuo cane dovrebbe avere tutti i grassi che desidera. Infatti solo il 9-15% delle calorie di un cane adulto dovrebbe provenire dai grassi. Tuttavia gli eccessi sono frequenti, soprattutto se il cane mangia cibo dal tavolo o bocconcini di cibo per gatti (quest’ultimo infatti è preferito dai cani perché contiene più grassi, proteine e calorie per boccone rispetto al cibo per cani).

Il cane: la limitata importanza dei carboidrati

I carboidrati non sono una fonte di energia naturale per i cani. Quest’ultimi si sono naturalmente evoluti per ottenere la maggior parte del loro fabbisogno nutrizionale dai grassi e dalle proteine, anche se riescono ad ottenere energia anche dai carboidrati. Tuttavia non c’è nessuna quantità minima raccomandata di carboidrati per cani, eccezion fatta per il periodo della gestazione e all’inizio della lattazione.

Il cane: l’acqua è fondamentale

Nessun animale può vivere senza una grande quantità d’acqua pulita e il tuo cane non fa certo eccezione. Perciò riempi la sua ciotola d’acqua almeno una volta al giorno e assicurati che ne assuma ancora di più dopo una lunga passeggiata, un gioco o una qualsiasi attività fisica.

Il cane: obesità ed esercizio fisico

I cani hanno bisogno di esercizio per rimanere in buona salute e sono una grande motivazione per tenere in forma anche i loro padroni. In effetti, uno studio suggerisce che portare a spasso il cane ogni giorno può arrecare grandi benefici anche alla salute dell’uomo, tra cui lo smettere di fumare.

Anche se i cani piccoli hanno bisogno di giocare in modo meno turbolento rispetto ai cani di media e grossa taglia, tutti i quattro zampe hanno bisogno di fare attività almeno una volta (preferibilmente due) al giorno per mantenere la salute delle ossa e dei muscoli.

Consulta il veterinario prima di iniziare un programma di esercizi per un cane che non è abituato a muoversi troppo e presta molta attenzione al colpo di calore, che è un pericolo per tutti i cani, non importa quanto in forma siano.

L’obesità in un cane aumenta il rischio di malattie degenerative delle articolazioni e di dolore cronico. Se non riesci a scorgere un girovita nel tuo amico canino e non riesci a sentire le costole senza fare pressione, forse il suo peso potrebbe diventare un ostacolo per la sua salute. In ogni caso, chiedi conferma al tuo veterinario.

Conclusioni

Dopo aver letto questo articolo, sei ancora sicuro che l’alimentazione del tuo animale domestico sia adeguata? Può essere difficile, tuttavia, tradurre in una dieta quotidiana tutti i consigli elencati precedentemente. Il tuo veterinario può aiutarti a ottimizzare la dieta del tuo animale domestico per una buona salute e offrire consigli sull’attività fisica più adeguata per una vita lunga, sana e attiva.