ID Mostre Giugno


IDM – Italiandirectory Mostre, è la selezione delle mostre del mese da parte della redazione Arte e Cultura di Italiandirectory: non le più famose ma quelle che ci appassionano.


In apertura

GABRIELE BASILICO | LA PROGETTUALITA’ DELLO SGUARDO
dal 16 giugno al 10 settembre – Chiesa di San Lorenzo – San Vito al Tagliamento (PN)
Orari: venerdì su appuntamento, sabato e domenica dalle ore 10.30 alle ore 12.30 e dalle ore 15.30 alle ore 19.00
Ideata e promossa dall’Accademia di Architettura (USI) di Mendrisio assieme allo Studio Gabriele Basilico presenta sessanta fotografie di paesaggio, per lo più in bianco e nero, alcune delle quali esposte per la prima volta in mostra a Mendrisio. Presenti alcune opere della serie Bord de Mer e una selezione di paesaggi realizzati in Italia, Portogallo e Spagna. Di particolare interesse un’importante nucleo di immagini che raccontano il San Gottardo. Ad integrazione, la serie di immagini realizzata a Gemona del Friuli nel 1993.

In chiusura

BELLINI E I BELLINIANI
Fino al 18 giugno – Conegliano (TV) – Palazzo Sarcinelli
Orari: lunedì chiuso – martedì, mercoledì e giovedì dalle 10.00 alle 18.00 – venerdì dalle 10.00 alle 21.00 – sabato e domenica dalle ore 10.00 alle ore 20.00
La mostra è promossa in occasione del cinquecentenario della morte del grande maestro del Rinascimento e offre un percorso alla ricerca di influenze ed eredità, contaminazioni e rapporti con allievi e artisti contemporanei. Inconfondibili le tracce lasciate tra i suoi discepoli più o meno lontani: Andrea Previtali, Marco Bello, i Santacroce fino a Palma il Vecchio, Dürer, Tiziano, Tintoretto e altri ancora.

KEITH HARING. About art
Fino al 18 giugno – Milano – Palazzo Reale
Orari: lunedì, dalle ore 10:00 alle ore 12:00, martedì, mercoledì, venerdì e domenica, dalle 9.30 alle 19.30 – giovedì e sabato dalle ore 9.30 alle ore 22.30
Per la prima volta una mostra percorre l’intera vita artistica di Keith Haring, con una vastissima selezione di opere provenienti da tutto il mondo, mettendo in evidenza accanto alla figura di artista militante, i riferimenti ampi e articolati ad altri artisti e linguaggi. Questi diventano nelle sue tele riflessioni sulla capacità dell’arte di auto rigenerarsi e un collegamento tra culture diverse ed universali, che consolida la sua grandezza di artista.

CHARLOTTE SALOMON. Vita? o Teatro?
Fino al 25 giugno – Milano – Palazzo Reale
Orari: lunedì, dalle ore 10:00 alle ore 12:00, martedì, mercoledì, venerdì e domenica, dalle 9.30 alle 19.30 – giovedì e sabato dalle ore 9.30 alle ore 22.30
Il riscatto di un destino, segnato dalla sensibilità e tragicità femminile, nella vita straordinaria di una donna del secolo scorso. L’esposizione, a cura di Bruno Pedretti e in collaborazione con il Jewish Historical Museum di Amsterdam, presenta circa 270 tempere, insieme a decine di fotografie storiche che illustrano la vita di Charlotte e gli avvenimenti del suo contesto, in parallelo alle scene rappresentate nel suo poema autobiografico e ad un filmato che introduce il visitatore nel mondo dei suoi affetti.
A una sua opera è dedicata l’immagine di copertina. Courtesy of Collection Jewish Historical Museum, Amsterdam | © Charlotte Salomon Foundation Charlotte Salomon®.

In corso

Patti Smith. Higher Learning
Fino al 16 luglio 2017 – Palazzo del Governatore – Parma
Orari: chiuso lunedì, dal martedì al giovedì dalle ore 10.00 alle ore18.00, dal venerdì alla domenica dalle ore 10.00 alle ore 21.00
Unica tappa italiana di Higher Learning, mostra di opere fotografiche di Patti Smith, stesso titolo del brano incluso nell’album Land del 2002: 120 opere scattate in bianco e nero durante viaggi per il mondo con una Polaroid di fine anni ’60 e stampate su gelatina d’argento in edizioni limitate. Ecco l’altra veste di un’icona della storia del rock, rivoluzionaria e eclettica, abilissima nel muoversi tra una disciplina e l’altra.

MODIGLIANI
Fino al 16 luglio 2017 – Genova – Palazzo Ducale
Orari: da lunedì a domenica dalle 9.30 alle 19.30 – venerdì fino alle 22.30
Artista di eccezionale talento, incapace di adeguarsi alle principali correnti artistiche eppure coerente fino allo stremo verso il suo bisogno di indagine sull’animo umano. La sua ricerca si è sempre concentra di più sulla figura umana, che i soggetti paesaggistici, nel tentativo di cogliere il carattere profondo dei suoi soggetti. La mostra, allestita nell’appartamento del Doge di Palazzo Ducale, propone una trentina di dipinti provenienti da importanti musei e da prestigiose collezioni europee e americane, oltre ad altrettanti disegni, si intende mettere in risalto il grande valore della sua ricerca in quel clima assolutamente unico creatosi nella Parigi d’inizio Novecento. Oltre ai ritratti la mostra rivolge un’attenzione particolare anche ai celebri Nudi e ai disegni: il Nudo accovacciato di Anversa e il Nudo disteso (ritratto di Celine Howard) sono tra i capolavori che è possibile ammirare, oltre a una ricca esposizione di studi, disegni, acquarelli, tempere.

Jean-Michel Basquiat New York City
Fino al 30 luglio 2017 – Roma – Chiostro del Bramante
Orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 20.00, sabato e domenica fino alle 21.00
Artista di eccezionale talento, incapace di adeguarsi alle principali correnti artistiche eppure Una retrospettiva focalizzata sulla poetica urbana: New York, la cultura nera, il jazz. Circa 100 i lavori esposti, tra olii, acrilici, disegni, alcune importanti collaborazioni con Andy Warhol, serigrafie e ceramiche, opere realizzate tra il 1981 e il 1987 tra le più rappresentative della sua produzione, tutte provenienti dalla Mugrabi Collection, una delle raccolte di arte contemporanea più vaste al mondo.

DAVID LACHAPELLE. LOST + FOUND
Fino al 10 settembre – Casa dei Tre Oci – Venezia
Orari: chiuso martedì, tutti gli altri giorni dalle ore 10.00 alle ore 18.00
David LaChapelle, uno dei più importanti e dissacranti fotografi contemporanei, e il suo universo surreale, barocco e pop. L’esposizione, curata da Reiner Opoku e Denis Curti, ripercorre la carriera dell’artista statunitense, dai primi progetti in bianco e nero degli anni novanta fino ai lavori, solo a colori, più recenti, opere divenute in gran parte iconiche e che gli hanno garantito un riconoscimento internazionale da parte di critica e pubblico.