L'export mondiale di imballaggi in carta e cartone è in crescita , come confermano i dati 2017 SiUlisse, con il cartone ondulato grande protagonista.

Gli imballaggi in carta e cartone piacciono a tutto il mondo

La parola d’ordine sembra essere “packaging riciclabile e sostenibile”, come confermano i dati 2017 dal Sistema Informativo Ulisse.

Le origini del cartone sembrano risalire alla Cina del XV secolo, ma è in Inghileterra, nel 1817, il luogo dove furono vendute le prime scatole di cartone commerciali. Il confine tra carta e cartone viene posto convenzionalmente ad una grammatura di 224 g/m² e con spessore di almeno 175 µm; le sue proprietà meccaniche e ottiche sono specificate dallo standard ISO 5651:1989.

Imballaggi in carta e cartone: prestime 2017

Le prestime 2017 vedono l’export globale di questo tipo di imballaggi salire del 4,7% rispetto all’anno precedente, raggiungendo i 28 miliardi di dollari.

Gli imballaggi in carta e cartone piacciono al mondo
Domanda mondiale di imballaggi in carta e cartone. Fonte: Sitema Informativo Ulisse

Non stupisce più di tanto che il primo dei paesi esportatori sia la Cina, con 5 miliardi di dollari esportati. Seguono la Germania con 3 miliardi di dollari e gli USA con un export da 2,9 miliardi di dollari. L’Italia si conferma quarto esportatore mondiale con 1,4 miliardi di dollari.

Imballaggi sostenibili

Indubbiamente la scelta del cartone per gli imballaggi è in linea con l’idea di una crescita economica sostenibile: leggero e resistente, esso viene prodotto con un minimo utilizzo di carta e risorse ambientali.

Se andiamo a indagare nel dettaglio dei vari imballaggi in cartone disponili, risulta un chiaro vincitore: il cartone ondulato. Infatti, la sua modalità di produzione basata sull’utilizzo di materie prime naturali come carta e colla di amido, ne fanno una naturale scelta ecologica. Inoltre, questi imballaggi possono essere riciclati più volte senza perdere in qualità e, anche quando giungono alla fine del loro ciclo di vita, è possibile trasformarli in materiale di riempimento grazie ad apposite macchine “trinciacartoni”.

Dunque un materiale riciclabile e biodegradabile al 100% e, inoltre, la tipologia di consegna con le scatole smontate permette l’ottimizzazione del trasporto. Un solo pallet permette la fornitura di migliaia di cartoni riducendo le emissioni di CO2 prodotte.

Il successo del cartone ondulato viene confermato dalle prestime SiUlisse 2017: quest’anno verranno esportati 7,2 miliardi di dollari di scatole di cartone ondulato, il 5,6% in più rispetto all’anno scorso. Le esportazioni di questa tipologia di imballaggio, nel 2017, hanno costituito il 25,6% del totale delle esportazioni di imballaggi in carta e cartone, di poco inferiore alla quota sul totale delle esportazioni di imballaggi di cartone non ondulato.

Quote percentuali del commercio mondiale di imballaggi di scatole di cartone divise per tipologie di packaging nel 2017. Fonte: Elaborazione dati Siulisse
Quote percentuali del commercio mondiale di imballaggi di scatole di cartone divise per tipologie di packaging nel 2017. Fonte: Elaborazione dati Siulisse

Cause della crescita

Il crescente utilizzo del cartone per gli imballaggi può essere facilmente spiegato dalla crescita dell’e-commerce mondiale. I prodotti acquistati online vengono infatti confezionati e spediti in scatole di cartone. Da qui la correlazione tra l’aumento delle vendite e-commerce e aumento della richiesta di imballaggi in carta e cartone.

Il commercio elettronico al dettaglio è in forte crescita; nel 2016 ha raggiunto un valore di 1.900 miliardi di dollari, incrementando di 200 miliardi di dollari rispetto al 2015. Anche a livello Italia il trend è positivo: il mercato e-commerce in Italia ha generato un fatturato di 31,7 miliardi di Euro nel 2016, crescendo complessivamente del 10% rispetto al 2015. (fonte: Rapporto maggio 2017 sull’e-commerce in Italia, Casaleggio Associati).