Reliquiae | Intrusione fotografica nell’arte sacra

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on StumbleUponEmail this to someone

Il Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri e la Biblioteca Civica di Verona, in collaborazione con ASLC – Associazione Studio la Città progetti per l’arte presentano il libro RELIQUIAE, una conversazione con l’autore nell’ambito del ciclo di appuntamenti dedicati all’Arte Contemporanea.

Non c’è che dire, Raffaello Bassotto si spinge ancora una volta in un percorso alquanto anomalo, quasi un azzardo, perché RELIQUIAE non è solo una ricerca fotografica ma un’intrusione moderna in un’antica Arte Sacra.

Il progetto è stato sviluppato nel corso del 2015 e ha richiesto uno studio approfondito affinché quell’arte della conservazione dei corpi dei Santi fosse correttamente tradotta dall’espressione attuale dell’arte contemporanea. Questo progetto, infatti, conferma una volta in più l’acuto lavoro, il pensiero nascosto e la capacità d’indagine che caratterizzato tutti i progetti del fotografo veronese. Questo il motivo per cui, alla presentazione del suo ultimo libro, saranno presenti anche Elena Benvenuto, studiosa di Agiografia e Storia Medioevale, e Francesco Bletzo, studioso di Storia del Collezionismo e Antropologia. I tre converseranno sui significati simbolici del lavoro.

Mano destra carbonizzata di S. Giuliana Falcononieri (1270-1341). Cappella delle Reliquie in S. Maria del Paradiso, Verona © Raffaello Bassotto

L’intervento dei due studiosi si è reso necessario per contestualizzare l’opera che illustra quei “tesori” nascosti nelle chiese di Verona, città a cui Raffaello Bassotto è particolarmente legato. Chiesa e Reliquiario di Santa Maria del Paradiso, Sant’Anastasia, Basilica di San Zeno, S. Giovanni in Foro, S. Lorenzo, Ss. Fermo e Rustico dei Filippini, Santa Maria in Organo, Cattedrale di Santa Maria Matricolare, S. Fermo Maggiore, S. Fermo Minore, S. Stefano, S. Bernardino, S. Giorgio in Braida, S. Zeno in Oratorio e Museo di Castelvecchio: ecco i luoghi che custodiscono le immagini presentate nel libro. E se già il libro si presenta con una stampa di altissima qualità, le foto stampate su speciale carta tedesca ne amplificano l’impatto emotivo.

Avanzi dei corpi santi” è il testo scritto da Francesco Bletzo ed è fondamentale per comprendere il senso della ricerca dell’autore che, altrimenti, rischierebbe di scivolare in un confronto macabro e provocatorio con le avanguardie contemporanee, mentre Bletzo riesce a spiegare questo complesso fenomeno storico e antropologico considerandolo, addirittura, come anticipazione della nascita del Museo Moderno. In quest’ottica è più facile comprendere la scelta di Bassotto che da sempre è legato alla fotografia documentaria e alla necessità di trasmettere, con il proprio lavoro, una panoramica sulla società contemporanea e le sue trasformazioni, che si traduce in espressione e astrazione di livello universale.

Particolare degli affreschi della navata destra della Basilica di S. Zeno, Verona © Raffaello Bassotto

Un Paradiso di Santi”, il contributo di Elena Benvenuto, completa la ricerca parlando della nascita delle reliquie e specificatamente della confezione artistica delle stesse. È determinante sapere che la manifattura era proprio quel lavoro, quasi rituale, che definiva la disposizione dei frammenti ossei con decorazioni tessili, metalliche e cartacee all’interno dei reliquiari stessi. Una particolare attenzione è stata data al “tesoro” custodito all’interno della chiesa di Santa Maria del Paradiso.

La prima esposizione fotografica di RELIQUIAE è stata presentata nella primavera 2016 alla galleria tedesca Galerie Horst Stauber di Passau. Sabato 4 marzo 2017 alle ore 11:00 Raffaello Bassotto è ospite, nella Sala Farinati della Biblioteca Civica di Verona, per la presentazione del libro in forma di conversazione con Elena Benvenuto e Francesco Bletzo per raccontare al pubblico maggiori dettagli del suo progetto artistico.

RELIQUIAE è stato realizzato con la collaborazione della Comunità Santa Maria del Paradiso, il concept è di Marta Bassotto per l’Archivio Bassotto, la stampa del libro è a cura di Grafiche Aurora mentre le fotografie sono state stampate da Stamperia Berardinelli.