Tendenze merato del legno dopo il Domotex

Domotex 2017: cosa ci ha detto sullo stato del legno e parquet in EU

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on StumbleUponEmail this to someone

La stagione delle fiere europee è avviata, a cominciare dalla Germania che nel mese di gennaio ha ospitato il Domotex (pavimenti in legno) ad Hannover e il salone IMM (arredamento) a Colonia. Queste fiere hanno fornito diversi indizi sulle prospettive in Europa per il mercato del legno nel prossimo anno. Le fiere tedesche sono diventate sempre più influenti nel corso degli anni, da quando cioè il cuore della produzione del legno europeo si è spostato dai paesi meridionali e occidentali a quelli settentrionali ed orientali; inoltre l’industria tedesca ha in questi anni costruito una reputazione formidabile come leader nell’innovazione di prodotti di legno e di altri materiali.

Entrambe le fiere hanno evidenziato che in questo momento ci sono significativi ostacoli ai fornitori di legno tropicale che cerchino di aumentare la quota di mercato in Europa. Si tratta infatti di un mercato caratterizzato da un numero crescente di fornitori che offrono un aumento della varietà di prodotti a caccia di domanda che invece cresce con una certa lentezza.

Source: Domotex Deutsche Messe
Source: Domotex Deutsche Messe

Il legno continua ad essere messo sotto pressione dai materiali non-legno. Nei casi in cui si preferisce il legno, i produttori domestici dominano, con una decisa preferenza per le specie locali (in particolare il rovere che rappresenta quasi l’80% della produzione europea di pavimenti in legno). Da un altro lato, le fiere hanno anche evidenziato alcune tendenze nel mercato europeo che potenzialmente possono offrire nuove importanti opportunità ai produttori tropicali di prodotti in legno. Il desiderio per prodotti che siano “naturali”, “autentici” e “individuali”, supportato da un forte “narrativa” potrebbe risultare a vantaggio dei produttori e fornitori tropicali di legno.

Mentre il rovere e la quercia rimangono dominanti, gli acquirenti europei ed i produttori sono costantemente alla ricerca di qualcosa di nuovo e diverso per ottenere un vantaggio di mercato.

I produttori di pavimenti EU aumentano la loro quota di mercato

La tendenza di mercato che fa da sfondo al Domotex 2017, tenutosi ad Hannover dal 12 al 15 gennaio, è mostrato nella figura 1 che indica che il commercio interno alla UE di pavimentazione in legno è cresciuto ininterrottamente dal dicembre 2013. Ciò è dovuto in parte al migliorato consumo di pavimentazioni in legno realizzati nella UE e in parte al crescente ruolo giocato dagli stabilimenti di produzione a basso costo nei paesi dell’Europa orientale nel fornire parquet in legno agli altri paesi europei.

Pavimenti in legno in EU
Figura 1. Pavimenti in legno in EU

Nel frattempo, il grande deficit dell’UE nel commercio di pavimenti in legno che si era aperto prima della crisi finanziaria, determinato dalla bolla immobiliare e dalla invasione di prodotti dall’Asia, si è ridotto drasticamente negli ultimi anni. Gli sforzi dei produttori europei per migliorare la competitività attraverso l’innovazione nei prodotti e nel marketing, favoriti dalla relativa debolezza dell’euro e delle altre valute europee rispetto al dollaro americano, hanno contribuito lo scorso anno a far crescere le esportazioni UE di di pavimenti in legno verso le altre parti del mondo. Allo stesso tempo, le importazioni provenienti da fuori UE hanno continuato a diminuire nel 2016. Gran parte del declino di queste importazioni è dovuto alla caduta del commercio con la Cina, il più grande fornitore esterno alla UE rappresentando circa il 60% del totale delle importazioni. Le importazioni UE di pavimenti in legno dalla Cina erano circa 16 milioni di mq nei 12 mesi precedenti novembre 2016, rispetto ai 17,4 milioni di mq l’anno prima e oltre 21 milioni di mq nel 2012.

Importazioni EU dai paesi tropicali
Figura 2. Importazioni EU dai paesi tropicali

Anche le importazioni UE di pavimentazione in legno dai paesi tropicali sono in calo negli ultimi anni (figura 2). Le importazioni dall’Indonesia, nei 12 mesi fino a novembre 2016 erano 1,16 milioni mq rispetto a 1,45 milioni dell’anno precedente. Le importazioni dalla Malaysia nello stesso periodo passano da 1,31 milioni a 0,94 milioni di mq nello stesso periodo. I dati sono particolarmente significativi nella prospettiva indonesiana.. Essi infatti rappresentano la linea di base reale sulla quale potrà essere giudicato l’impatto immediato del sistema di licenze FLEGT. Le prime licenze FLEGT sono state emesse a metà Novembre e sarà interessante monitorare se la tendenziale discesa delle importazioni UE dall’Indonesia potrà essere invertita.

Notevole crescita del numero di visitatori al DOMOTEX

L’intensa e crescente competitività dell’Unione europea in questo settore è evidente dai numeri di Domotex 2017: 1409 espositori provenienti da più di 60 paesi. La fiera ha avuto un notevole successo quest’anno con una crescita considerevole del numero di espositori, dello spazio espositivo prenotato e con una percentuale ancora più alta di espositori e visitatori dall’estero rispetto alla precedente edizione. Circa il 70% dei visitatori DOMOTEX quest’anno proveniva dal di fuori della Germania, con la maggior parte (43%) provenienti da altri paesi dell’UE. Il numero totale dei visitatori è stato leggermente in calo rispetto agli anni precedenti, ma con un significativo aumento di visitatori provenienti dal Medio Oriente (cresciuti del 9%) così come dall’ Oriente e dall’Asia centrale (+ 16%). Crescono anche i visitatori provenienti da Stati Uniti e UK.

Uno spaccato delle innovazioni potenzialmente interessanti del settore è stato fornito dalla prestigiosa Innovations@Domotex, una vetrina selezionata di prodotti in mostra scelti da una giuria di esperti nel campo del design, architettura, media e design d’interni. Le scelte testimoniano il forte interesse nella progettazione sostenibile e una preferenza per i prodotti con un feeling naturale, in cui texture, materiali, motivi e superfici prendano spunto dalla natura.

Sostenibilità un tema forte nel design di pavimenti

La sostenibilità è stato un tema forte in tutta la fiera, con sempre più produttori desiderosi di comunicanare l’origine dei boschi utilizzati attraverso la certificazione forestale e altri meccanismi. I produttori di pavimentazioni in altri materiali stanno sfruttando l’immagine green del legno. Molto forte la presenza di laminati e pavimentazioni di designer con superfici dall’aspetto così perfettamente naturale dal risultare difficilmente distinguibili dal vero legno.

Come negli anni precedenti, la pavimentazione di legno in esposizione a DOMOTEX 2017 era fortemente orientata verso il rovere che è stato presentato in un’ampia varietà di colori, texture e finiture. Tuttavia, alcuni produttori cercavano di differenziarsi dalla concorrenza offrendo nuovi tipi di legno. Particolarmente incoraggiante per il legno tropicale, il fatto che due produttori peruviani fossero presenti nella vetrina di Innovations@DOMOTEX. La stampa al DOMOTEX ha sottolineato le forti credenziali di sostenibilità delle due società peruviane, Amaz Floors e Maderera Río Acre. Tutto il loro legno deriva da foreste certificate FSC in Perù e le aziende garantiscono anche la riduzione delle emissioni da deforestazione e degrado (REDD) attraverso VCS e CCB standard. Le tipologie di legno in offerta, come Balsamo, Jatoba, Cumaru, Massaranduba e Garapa, non sono ancora molto utilizzate o conosciute in Europa nei settori pavimenti e decking.

Trends nei colori e materiali

La generale convinzione è che il grigio o il misto di grigio e beige – “greige” – rimarrà tra i colori più venduti, mentre i colori scuri restano meno popolari tra i compratori di pavimenti per interni. Le superfici strutturate, con texture, sono visti come la next big thing nel parquet e nei pavimenti in legno. Si sono anche visti molti modelli dall’aspetto “usato”, granulosi e pavimenti progettati per dare un effetto spazzolato e spesso costituiti da materiali di recupero. I materiali dal look vintage rimangono di moda, lasciando in vista i fori dei nodi, le fessurazioni e addirittura le tracce della lama o residui di cemento. Questo sia per pavimenti in legno naturale sia per il laminato, con quest’ultimo impegnato a sfruttare sempre più sofisticate tecnologie di stampa digitale.

In vetrina molte anche le innovazioni che mirano a migliorare il ciclo di vita della pavimentazione in legno in ambienti come cucine e bagni, dove il legno non è stato tradizionalmente utilizzato. Il produttore francese Design Parquet, ad esempio, promuoveva il suo sistema brevettato Navylam+, un sistema composto da listelli di legno tropicale, scelti sia per il loro aspetto che per la durabilità naturale, che vengono pre-oliati e forniti di un sistema di giunzione integrato. Altro prodotto altamente innovativo, progettato per estendere ulteriormente la gamma di applicazioni del legno, è stato “Lambdafloor” dalla polacca Prestige, che vanta uno strato di alluminio inserito tra superficie di legno e materiale di base idrorepellente, aumentando in tal modo la conducibilità termica per l’uso nei sistemi di riscaldamento a pavimento.

DOMOTEX 2017 ha, infine, sintetizzato le tendenze produttive per il prossimo anno: prodotti di pavimentazione sempre più flessibili e modulari, veloci da manutenere e di facile montaggio, senza l’uso solventi in modo da migliorare la qualità dell’aria interna, salute e igiene e che offrano tutta una serie di altri vantaggi in termini di durata e comfort di calpestio.