chemolli-csi-made-expo-2017

EI 1 120, C1, Sa, S200: le prove di laboratorio secondo EN16034

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on StumbleUponEmail this to someone

Al convegno di CSI “Resistenza al fuoco” del 18 ottobre 2016 viene presentata l’entrata in vigore della norma di prodotto per le porte tagliafuoco, la EN16034.

Fra i relatori, l’Ingegnere Paolo Monticelli, responsabile Certificazioni e Direttive Europee di CSI e l’Architetto Maurizio Vescovi, Project Manager di Chemolli Fire.

In tale sede viene proposta la documentazione in un video promozionale dell’attività di testing di una porta. Questo al fine di spiegare le fasi peculiari dell’attività: progettazione, produzione con relativo sampling (il campionamento da parte dell’ente di certificazione presso il cliente), montaggio in laboratorio, controllo dei fumi e resistenza al fuoco.

Il progetto prende il numero “X387” e l’oggetto scelto per la prova è una porta EI 120; presenta due ante in legno, è grandi dimensioni (2600×2700 mm) e complessa realizzazione; è dotata di vetri, accessori e lavorazioni di vario genere, come il chiudiporta a scomparsa con sequenziatore integrato.

La prova è impegnativa, considerando che per le 120 minuti in legno la maggior parte dei produttori italiani porta avanti ancora certificazioni fatte con la vecchia UNI9723.

Viene avviata la produzione ed effettuato il “sampling”, cioè il prelievo dei campioni prescritto dalla EN16034 presso il sito di fabbricazione. Il personale di CSI annota le caratteristiche della linea di produzione, i materiali impiegati, i collanti, preleva anche campioni di componenti.

Il 19 dicembre 2016 CSI è pronto a ricevere il convoglio di Chemolli Fire: tre mezzi attrezzati e sei persone consegnano, scaricano ed installano i campioni prescritti per le prove nei supporti predisposti dal laboratorio. È presente una troupe che filma tutte le fasi di installazione, regolazione e prova, raccogliendo con cinque telecamere qualcosa come 500 ore di materiale.

Le prove effettuate tutte con successo sono:

  • le cicliche secondo EN1191;
  • i fumi secondo EN1634-3 per i fumi caldi e freddi;
  • il fuoco secondo EN1634-1.

La prova al fuoco supera anche l’extratempo, consentendo così di aumentare le dimensioni lineari secondo il campo di applicazione della EN1634-1, oltre a consentire l’aumento illimitato delle stesse secondo l’allegato C del D.M. 21.06.2004.

Il tutto porta ad una classificazione secondo EN13501-2 come segue: EI 1 120, C1, Sa, S200. Senza dimenticare che il progetto è stato fatto pensando anche alle potenziali EXAP secondo EN15269-3.

Alla fiera europea delle costruzioni, il BAU di Monaco che si è tenuta dal 16 al 21 gennaio 2017, viene presentata l’anteprima di questa collaborazione tra CSI e Chemolli Fire con un video corto che ha lasciato a bocca aperta più di un visitatore.

Volete vedere quant’era grande la porta provata?
Recatevi alla fiera Made Expo 2017 dall’8 al 11 marzo 2017, presso Chemolli Fire al padiglione 5 stand M21-N20.

In occasione del Chemolli Fire Forum sarà presentata una versione lunga del video delle prove, sia presso Chemolli Fire che presso CSI al padiglione 4, stand M11.



Iscrizione al Forum

Per maggiori informazioni

Download del programma del Forum


About Chemolli Fire

Chemolli Fire è il team di professionisti leader nella certificazione di porte tagliafuoco. Nel corso degli anni abbiamo acquisito una competenza internazionale nell’ambito della progettazione e della sperimentazione. I nostri consulenti sono al tuo fianco per migliorare i tuoi sistemi di chiusura e renderli più sicuri. Con la divisione Chemolli Fire Research ti offriamo la nostra consulenza durante tutte le fasi di sperimentazione in laboratorio, dalla progettazione alla documentazione dei risultati. Per le diverse normative, abbiamo già superato le 400 certificazioni.